mercoledì 3 febbraio 2010

La frittola


La frittola è  la linea di confine. Non sono in molti a oltrepassarla.  Forse per una diffidenza nei confronti di una certa segretezza suggerita dal quel “panaro” avvolto dalle coperte. Eppure è proprio nell’amorevole calore preservato dalle mante, nella ritualità dei gesti del frittolaro che ritroviamo alcuni caratteri dell’urbanità palermitana. Socialmente la frittola è il cibo del sotto-proletariato urbano, in un certo senso è forse il cibo palermitano più autenticamente popolare; milza o panelle sono più trasversali, più interclassiste, allineano il parcheggiatore e il dottore. Mangiare la frittola invece è come ricevere le chiavi della città, è come consumare un piccolo rito segreto, appartato.
Peccato che stia scomparendo. A Palermo, la si può trovare a Porta Carini, in via Costantino Lascaris e in Piazza Kalsa, allo stadio, ed in pochissimi altri luoghi dove pochi sapienti frittolari la preparano ancora secondo antiche ricette orali. La frittola è l’insieme di piccoli grassetti attaccati alle ossa del vitello, è la somma di tutto ciò che si può ricavare dopo che un macellaio ha sottratto muscoli nobili alle ossa: grassi, nervetti, cartilagini. Questi ingredienti, sottratti allo spreco della loro esser destinati alla munnìzza, vengono dapprima fritti senza aggiunta di olio, sfruttando la loro grassa natura. (Ecco perché si chiama frittola: il nome deriva dalla prima trasformazione che la cucina opera sulla materia prima). Dopo il tutto viene bollito in pentoloni e aromatizzato con alloro e spezie varie. Il prodotto, ancora caldo, viene poi trasferito nel panaro e poi ricoperto da mante, coperte di cotone grezzo, per mantenere l’elevata temperatura: il calore infatti sfinisce le fibre e preserva la morbidità e la dolcezza della frittola. Nel panaro ce ne stanno circa venti chili ma la media può aumentare a seconda delle giornate. In una fredda giornata di stadio se ne può produrre di più. La si consuma in due modi: dentro un panino, il semprefresco, oppure nella versione a “cartàta”, su due fogli cioè di carta oleata che il frittolaro chiede di apparare il più vicino possibile al panaro perché nulla vada perso. La frittola viene estratta dal panaro e con gesto ampio e perentorio messa sulla csrtata. Solitamente si aggiunge pepe nero. Si mangia per lo più nella tarda mattinata  e può valere come pranzo o come preludio a tocchi di birra.

8 commenti:

  1. é un'emozione leggervi...ricordo la bizzarra birrazza che ci siamo fatti...la frittola è troppo bella...sape bella...io mi sento terra quando mangio questi cibi...amo il profumo delle zolle di terra attaccati a me... amo la rusticità dell'uomo nell'espressione del quotidiano , perchè mi ci rivedo...la F R I T T O L A Ciccio Sultano

    RispondiElimina
  2. che bello che allo chef Sultano piace la frittola .da palermitana sono orgogliosa... da come racconta si capisce allora la passione che mette nella sua cucina ...
    Rosanna

    RispondiElimina
  3. Sarebbe interessante mangiare le frittole preparate da Ciccio Sultano

    RispondiElimina
  4. intanto grazie Ciccio...ci prepariamo a seguirti in tv su Alice Sky il 5 Febbraio. Il gruppo di ascolto è pronto..
    devo dire che l'idea di un piatto a base di frittola mi piace.....
    a prossimi giri in città..

    RispondiElimina
  5. Caro Sandro ci sto lavorando....la frittola e la Meusa sta divorando la mia evisceralità ! intanto ti dico un nuovo piatto...polpo =la gente, riccio=mare, vegetale marino, trippa=sensualità,bieta+fungo=terra, brodo =inverno...somma? Vucciria di Palermo o pescheria di Catania..Piatto che rimarra fuori carta per chi ama penetrare a fondo la libera 'espressione senza pregiudizi....Ciccio Sultano

    RispondiElimina
  6. Propongo di formare gruppo per provare il piatto fuori carta del Sultano.

    RispondiElimina
  7. Restate in contatto perche Caponata proporrà novità e iniziative

    RispondiElimina
  8. Thanks for your share! very impressive!

    nolvadex

    RispondiElimina